Imposte sui redditi e Irap: secondo acconto

image_pdfCrea PDFimage_printStampa

È prorogato al 30.04.2021 il pagamento dell’acconto delle imposte sui redditi, dell’Irap, delle imposte sostitutive (es: cedolare secca, imposte dei regimi di vantaggio e forfettari), delle addizionali e delle patrimoniali di tutti coloro che:

  • Esercitano un’attività economica per la quale sia stato approvato l’ISA (anche se si appartiene al regime di vantaggio o forfettario o se si presentano altre cause di inapplicabilità o esclusione dagli ISA);
  • Dichiarano ricavi o compensi pari o inferiori ai 5.164.569 euro;
  • Possano affermare che il fatturato/ i corrispettivi del primo semestre 2020 abbiano subito una calo pari al 33% rispetto al primo semestre 2019.

La proroga è valida anche per:

  • soci di società di persone;
  • soci di società di capitali in trasparenza;
  • associati di associazioni tra artisti e professionisti;
  • collaboratori di imprese familiari;
  • coniugi di aziende coniugali.

Lo slittamento della scadenza non è riconosciuto per gli esercenti attività agricola con redditi agrari ai sensi del artt. 32 e seguenti del Tuir.

Col Decreto Ristori Bis la platea degli aventi diritto alla proroga si allarga (si veda il punto 6 dell’elenco riportato nella nostra precedente circolare “Decreto Ristori Bis (D.L. 9 Novembre 2020, n.149)“).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *