Procedure di risanamento

Lo Studio, in sede giudiziale, assiste i clienti nei seguenti aspetti:

–  cause di revocatoria fallimentare;
–  domande (tempestive e tardive) di ammissione allo stato passivo;
–  giudizi di opposizione allo stato passivo e ai progetti di riparto;
–  giudizi di revocazione del credito;
–  istanze di fallimento;
–  giudizi di opposizione alla omologazione di concordati preventivi e fallimentari,
– assistenza nella valutazione e/o presentazione di domande di concordato preventivo e fallimentare.

Lo Studio fornisce assistenza alle società in crisi economica e finanziaria, con la finalità di individuare con l’imprenditore le misure di recupero dell’equilibrio e progettare il risanamento. Principalmente l’approccio è il seguente.

Verifica condizioni e cause della crisi

Si sostanzia in una verifica delle cause che hanno indotto la crisi, mediante l’analisi sia attuale che di trend delle condizioni di mercato e delle potenzialità aziendali, verificando le opzioni disponibili per il recupero. L’analisi prosegue con la verifica della gravità del disagio patrimoniale e finanziario, propedeutico alla individuazione degli strumenti di soluzione.

Impostazione meccanismi di soluzione

Si sostanzia nella individuazione degli strumenti, concorsuali, stragiudiziali, di M&A, etc. utili od indispensabili per il raggiungimento del risanamento economico e finanziario.  Lo studio esamina le soluzioni presentando alla società assistita effetti, benefici, costi e rischiosità.

Assistenza nel progetto di risanamento e nella negoziazione

Lo Studio assiste la società nella realizzazione del progetto di risanamento, sia per il perfezionamento delle operazioni straordinarie ivi previste o per la conduzione delle soluzioni concorsuali, con una particolare attenzione alla negoziazione con i creditori, in primo luogo banche, ma anche fornitori, risorse umane, etc.
Commenti