bonus pubblicità, come richiederlo, i beneficiari.

Bonus investimenti pubblicitari

image_pdfCrea PDFimage_printStampa

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/07/2018 il regolamento (DPCM 16/05/2018 n.90) con modalità e criteri per la concessione incentivi fiscali agli investimenti pubblicitari su quotidiani, periodici e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali.

BENEFICIO FISCALE

Il beneficio fiscale consiste in un contributo sotto forma di credito di imposta, da utilizzare esclusivamente in compensazione mediante il modello F24, da presentare telematicamente.

SOGGETTI BENEFICIARI        

Il credito d’imposta può essere riconosciuto:

  • alle imprese (indipendentemente dalla natura giuridica, dalle dimensioni aziendali, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato);
  • ai lavoratori autonomi (inclusi i professionisti);
  • agli enti non commerciali.

INVESTIMENTI AMMISSIBILI

Sono oggetto dell’agevolazione gli investimenti in campagne pubblicitarie effettuati:

  • sulla stampa quotidiana e periodica, anche on-line.
  • sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

In particolare, si precisa che gli investimenti devono essere effettuati su giornali editi da imprese titolari di testata giornalistica iscritta presso il competente Tribunale e/o su emittenti iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazioni e dotate della figura del direttore responsabile.

Le spese per l’acquisto di pubblicità sono ammissibili al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa, anche se connessa o funzionale.

Sono escluse le spese per l’acquisto di spazi destinati a televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse, messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovrapprezzo.

LIMITI E CONDIZIONI           

Per ottenere il credito d’imposta, il valore degli investimenti, effettuati a partire dal 1° gennaio 2018,  deve superare di almeno l’1% (cd. “investimenti incrementali” ) gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi d’informazione nell’anno precedente. Sono ammissibili anche gli investimenti realizzati dal 24 giugno 2017 al 31 dicembre 2017, purché incrementali rispetto il corrispondente periodo dell’anno 2016.

MISURA DEL CREDITO D’IMPOSTA

Il credito d’imposta è pari:

  • al 75% degli investimenti incrementali effettuati;
  • al 90% degli investimenti incrementali effettuati, nel caso di micro-imprese, PMI e star-up innovative.

MODALITÀ DI ACCESSO

Per accedere al credito d’imposta, i soggetti interessati devono presentare un’apposita comunicazione telematica, nel periodo compreso tra il 1° e il 31 marzo di ciascun anno. Tale comunicazione deve essere sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa, dall’ente non commerciale o dal lavoratore autonomo e dovrà contenere le seguenti informazioni:

  • gli estremi identificativi dell’impresa (o dell’ente non commerciale o del lavoratore autonomo);
  • la misura degli investimenti pubblicitari effettuati (o da effettuare);
  • la percentuale dell’incremento rispetto al periodo precedente;
  • l’ammontare del credito d’imposta richiesto.

Per il 2018, la comunicazione telematica deve essere presentata a partire dal 60° giorno ed entro il 90° giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale, ovvero tra il 22/09/2018 e il 22/10/2018.

Lo Studio rimane a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento o informazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
10 + 16 =